Dove lasciare la macchina spendendo poco: la mia esperienza con Park to fly

Da spenderemotuttoviaggiando I 2 febbraio 2018 I

Oggi voglio parlarvi di come risparmiare quando si parte per un viaggio e si è costretti a dover lasciare la propria autovettura in un parcheggio custodito.

 

Lasciare la macchina direttamente in aereoporto è diventata una spesa esagerata. Quindi dove metterla se non abbiamo la fortuna di avere qualcuno che ci accompagna?

 

Di recente ho scoperto l'azienda "Park to fly" e sono rimasta molto soddisfatta sia dai prezzi che dalla cortesia del personale.

 

Sono enormi spazi all'aperto trasformati in parcheggi sorvegliati da custodi giorno e notte.

 

Puoi trovare il numero su internet digitando per esempio: "park to fly Bergamo" e controllare se esiste nelle vicinanze del vostro aereoporto di riferimento.

 

Solitamente esiste in tutta Italia e i prezzi sono moderati. Noi l'abbiamo lasciata due volte: sia quando siamo partiti per la Turchia, sia per la Grecia. Essendo stati due viaggi da 3 giorni ciascuno il prezzo totale è stato di 21 euro, compreso il trasporto in navetta, a/r, per l'aereoporto.

 

Come prenotare: potete o telefonare o prenotare dal sito. Vi verrà chiesto: dove andate, per quanto tempo state via e infine il tipo di veicolo e targa.

 

Avvertenze e consigli: per evitare spiacevoli sorprese dico sempre a tutti di non fidarsi mai di nessuno. Parlate chiaro al parcheggiatore e fategli vedere che siete furbi. Fate una foto al conta chilomentri in sua presenta e controllate, al vostro rientro, che la vettura non sia stata utilizzata se non per essere spostata, all'interno del parcheggio stesso.

 

Personalemente non mi è mai capitata una brutta esperienza, però consiglio di mostrare qualche accortezza come quella del controllo carburante e di non lasciare nulla di personale dentro l'auto. 

 

Al momento è il miglior modo low cost che conosco per non spendere uno sproposito per la propria macchina, quando si affronta una viaggio.

Ciao lettori viaggiatori!

 



Roaming dati: quello che dovreste sapere quando viaggiate.

Da spenderemotuttoviaggiando I 31 gennaio 2018 I

Ho voluto spendere questo post per i miei lettori, che penso sia davvero utile.

Quando siamo partiti per la Grecia, abbiamo scoperto in aereoporto tramite dei ragazzi, che potevamo utilizzare internet in Europa!

 

Le mie preghiere sono state esaudite.biggrin

 

Dal 15 Giugno 2017, cambiano le leggi riguardo al roaming dati; vengono totalmente aboliti i sovraprezzi per chi viaggi in Europa.

 

Potrete utilizzare il vostro smartphone proprio come in Italia; utilizzando internet, chiamate ed sms secondo la promozione stipulata con il vostro gestore. (Wind, Tre, Vodafone, Tim) 

 

Vi basterà entrare nelle impostazioni del vostro cellulare ed attivare il tasto: "Roaming dati", ricordatevi di spegnerle, dopo averle utilizzate, altrimenti il traffico sulla vostra sim si esaurirà. Siamo abituati ad avere il wifi nelle nostre case e quindi a tenere sempre accese le applicazioni dei social o di Whatsapp.

 

Altro aspetto da evidenziare è che il roaming gratuito è garantito SOLO sul traffico incluso nella propria offerta, non su quello di eventuali opzioni (minuti, sms, gb) che applichiamo sul piano.

 

Dovesse capitarvi un sovraccosto ingiusto, nonostante queste nuove normative, non esitate a contattare il vostro operatore e a verbalizzare l'accaduto. Se il problema dovesse persistere potete rivolgervi alle autorità competenti ovvero; l'ente nazionale di regolamentazione delle telecomunicazioni.

Per chi dovesse partire per un viaggio extraeuropeo si ricordi di disattivare, prima della partenza, sia i dati cellulare che il roaming dati, altrimenti vi verrà addebbitato un costo giornaliero esagerato per tutta la permanenza della vostra vacanza all'estero, ovviamente i costi cambieranno in base al vostro gestore.

 



Chiedimi un confronto per creare la tua vacanza

I 24 Gennaio 2018 I

Come già saprete il mio blog si rivolge a lettori che vogliono viaggiare low cost e imparare ad essere viaggiatori e non solo turisti.

 

Di recente sono stata contattata da un agenzia locale che si rifà alla mia nicchia, quindi ho accettato di collaborare.

 

Il mio obiettivo come travelblogger è quello di ispirare, consigliare, mostrare il mondo con i miei occhi a chi si rivede nella mia filosofia del viaggio.

 

Chiedimi un consiglio prima di partire per qualsiasi posto nel mondo

 

Viaggia low cost come me, scrivimi e organizziamo assime il viaggio. Un consiglio in più non guasta mailove



Viaggia low cost; la nuova moda per viaggiare più spesso.

Da spenderemotuttoviaggiando 25 gennaio 2018 I

Non esiste cosa che più mi irrita che sentirmi dire: "Sarai ricca, dato che riesci a viaggiare così spesso".

La risposta è NO! Non sono mai stata ricca e non ho intrapreso questa carriera, che amo tantissimo, per diventare ricca. Difficilmente si sfonda con un blog. 

Da anni è ormai di moda il termine: "Last minute". Per chi non conoscesse l'inglese o quello che il termine significa, vuol dire: "All'ultimo minuto". 

Quali sono i benefici? Vi faccio un esempio. Se andate a fare shopping il primo giorno di saldi, quanto pensate di pagare una maglietta, o un paio di scarpe? Probabilmente il prezzo sarà ancora un po' altino, vicino al prezzo originario. 

Provate a fare shopping gli ultimi giorni dei saldi. Troverete una differenza sconcertante. La stessa cosa vi capiterà con i voli. Anche comprare un volo è un modo per fare shopping. Più tardi farai acquisti più sarà facile pagare meno.

Certo, non si può avere tutto dalla vita. Se vuoi un super sconto devi anche essere pronto ad adattarti ai giorni e agli orari che una determinata compagnia aerea ti offre. 

Eccovi 5 consigli per viaggiare low cost: 

- 1) Affidatevi a compagnie low cost come: Vola gratis, WizzAir, fondata nel 2003. E' un po' limitata ma consente comunque di trovare degli ottimi prezzi. Volotea, (fondata nel 2011) è anch'essa una compagnia molto concorrenziale. 

- 2) Se le vostre tappe sono raggiungibili anche in autubus optate per la linea: Eurolines! Non vi perderete nulla per strada e sopratutto pagherete davvero poco.

- 3) Per prenotare un albergo, affidatevi a Booking.com. Avrete il miglior prezzo in assoluto, essendo che possiede un database immenso di B&B, alloggi e Hotel. Inoltre vi permette di inserire dei filtri per farvi trovare quello che più si adatta alle vostre esigenze. Offre il servizio di "cancellazione gratuita", che non guasta mai e moltissimi feedback.

- 4) Non utilizzate solo gli hotel, per un viaggio low cost. Potete affidarvi anche a strutture private, inserendo la località il sito disporrà una descrizione per filo e per segno dell'appartamento e del propietario dell'immobile. Questo portale online si chiama: Airbnb.

- 5) Si può viaggiare low cost, dormendo gratis! Questa è un opzione per i più intraprendenti e adattabili. Couchsurfing è una piattaforma che offre posti-letto o posti- divano gratuitamente! So che state pensando: "Ma sei impazzita?", " Vuoi che mi uccidano durante la notte?". Tranquilli, non è così!

Lo staff di Couchsurfing verifica sempre l'utente grazie al conto corrente, e l'indirizzo. Direi che è un rischio un po' troppo alto farvi del male quando qualcuno conosce ogni dato di chi vi ospita, non vi pare?. Inoltre come ogni piattaforma che si rispetti, anche qua troverete l'opzione: "Feedback".Potrete leggere i commenti lasciati dai precendenti ospiti. I lati positivi sono due: imparare meglio la lingua e chiedere tutte le informazioni più sfiziose della città che andrete a visitare a chi già ci abita.

Con questi consigli viaggiarete più spesso e sopratutto low cost!