Alpi e città, benvenuti ad Innsbruk-Austria.

Da spenderemotuttoviaggiando I 28 dicembre 2017 I

Quando ho iniziato a girare l'Europa in auto con mia sorella Giada, sono passata prima per questa bellissima cittadina. Sicuramente le alpi come sfondo le regalano dieci punti facilmente.

 

La città immersa nella natura è quello che spesso cercano le persone che vogliono allontanarsi dalla solita routine. Visitando Innsbruk, non mi sentivo in mezzo al caos. Il centro abitato è pieno di botteghe artiginiali, ristoranti pronti a fare assaggiare le prelibatezze del posto, vicoletti tipici, moderni centri commerciali per chi ama di più spendere che fare sport sulla neve!

 

I fiumi Inn e Sill che attraversano la città, rendono ancor di più l'idea di essere in un luogo rispettoso della natura. Come se l'uomo e la natura potessero trovare un accordo di condivisione pacifico e alla pari.

 

Innsbruk colpisce perchè ti catapulta in un' epoca per metà moderna e per metà ancora con qualche tocco medioevale, essendo che vanta ben 800 anni di storia.

 

Per chi ama gli animali e la loro cura apprezzerà sicuramente lo zoo alpino che tutela quelle specie animali a richio di estinzione che sono protette e ben tenute.

 

Ultimamente va molto di moda visitare le architetture moderne del paese che si visita; quelle strutture che non esistono ancora sulle pagine delle guide turistiche, perchè recenti costruzioni, come ad esempio il Bergisel ski Jump: trampolino olimpionico del salto con gli sci che ha ospitato per ben due volte le olimpiadi nel 1964 e nel 1976.

 

 

Questo piccolo gioiello dell'Austria ha molto da offrire per chi ama la montagna: trekking, vista spendida, funivie, impianto sciistico ecc, ecc. Se invece non amate particolarmente la neve.

 

Io non sono amante della montagna, ma devo dire che Innsbruk è decisamente affascinante.


Immerse nei vicoletti Austriaci

Da spenderemotuttoviaggiando I 28 dicembre 2017 I


Il famoso Tettuccio d'oro di Innsbruck

Il Tettuccio d'oro è stato l'osservatore di millenni di storia sanguinolenta scatenatasi nella piazza che lo ospita, dove ora regna pace e tranquillità. Da molti riconosciuto come il simbolo Austriaco della città.

 

Il tetto è stato anche il protagonista nei notiziari di tutto il mondo, a causa della rapina di alcune tegole nell'anno 2012.

 

Perchè fu costrutito proprio in oro: l'imperatore Massimiliano I prese questa  elegante decisione, in occasione delle sue nozze. Sembra che questa sia la motivazione superficiale.

 

Il reale perchè si celerebbe dietro una questione economica instabile che toccò da vicino l'orgoglio dell'imperatore. Si vocifera che l'avesse fatto costruire per annientare i sospetti in merito alle sue scarse finanze. 

 

Un detto dice che l'orgoglio può distruggerti. In questo caso ci ha lasciato un'interessante e tanto apprezzato monumento turistico da fotografare, divenuto motivo d'orgoglio per gli Austriaci.